Category

Day Training

Attività Day Training Risultati Gare Stage

Ultime News

  • By
  • 30 ottobre 2017

La lunga via verso la perfezione.

E’ appena terminato un weekend ricco di eventi e attività per i membri del nostro team.

Due giorni di aggiornamento tecnico per il nostro Maestro e Presidente  Pompeo Ungaro.
Sabato mattina Tai Chi Chuan  con il collaboratore  della scuola M° Sergio Porzionato, mentre domenica a Vercelli, accompagnato da Mirko e Federico,  prezioso seminario di “bastone e coltello” con il Maestro Luciano Trimigno e gli istruttori del “Trimigno System“.

Elisa Tamellini (la secchiona del team) sabato pomeriggio a Bergamo ha superato la prova teorica del Corso da Aspirante Allenatore di Karate FIJLKAM. Ora dovrà vedersela con un mese di lezioni pratiche per completare la sua formazione e poi prova finale.
Contemporaneamente a Casale Monferrato (Alessandria) Nicolò Ghiandai partecipava alla seconda competizione della stagione di Jiu Jitsu. Il nostro “ariete” sta prendendo le misure per salire sul podio prossimamente.

Domenica Giulia Maspero dopo un lungo periodo di preparazione ha affrontato e superato il tanto ambito esame di cintura nera 1° Dan FIJLKAM. Tanta emozione e tanta soddisfazione. Ragazza seria, instancabile e da prendere a modello. Si chiude un ciclo, se ne apre un altro. Ora pronti per la nuova carriera da lottatrice!

Nel pomeriggio domenicale Claudio Breveglieri e Davide Battistessa hanno partecipato al torneo BTF. Claudio vince il suo match di Kick Boxing K1 Light, acquisendo fiducia e iniziando a padroneggiare il ring. Davide all’esordio assoluto nelle MMA Light vince brillantemente il primo turno e perde poi il secondo.

Come diciamo spesso, nelle arti marziali e sempre molto importante studiare, formarsi tecnicamente e acquisire tanta esperienza.
La strada è lunga per i risultati e la qualità, vi aspettiamo sul tatami per proseguire questo fantastico viaggio insieme.

Pier

No Comments
Day Training

Scherma di bastone

  • By
  • 29 giugno 2015

Inarrestabile il nostro Maestro Pompeo Gerardo Ungaro​, nonostante il caldo che quest’estate ci sta regalando, si dedicata allo studio della scherma di bastone metodo Trimigno​. Ancora una volta le sue larghe vedute lo portano ad essere pioniere sul Lago di Como di questa antica cultura e scuola italiana. Ne vedremo delle belle.

No Comments
Day Training

Un martedì di marzo

Il martedì è sempre una giornata lunga per me, ma molto soddisfacente. È bello vedere i bambini con i loro progressi a livello motorio, è bello vedere i ragazzi che grazie a nuovi stimoli imparano il Karate moderno ed è bello vedere gli adulti scoprire l’efficacia del Karate classico. Fa piacere vedere gli enormi miglioramenti del gruppo MMA/Grappling, sempre attenti ai particolari e al duro lavoro fisico e tecnico che viene proposto loro. Hakuryu non è solo il nome del nostro team, ma è il nostro modo di essere quotidianamente. C’è chi viene da lontano per apprendere da noi, c’è chi dopo anni ritorna sul tatami per far parte della nostra famiglia, c’è chi ha fame di apprendere e lascia altri gruppi per seguirci, c’è chi è infortunato ma non si abbatte e si allena ugualmente, c’è chi ha iniziato la pratica negli anni ’80 e trasmette tutta la sua esperienza, c’è chi si diverte e basta, c’è chi cerca se stesso e c’è chi ha una visione. Nel dojo ogni giorno si impara e ogni giorno si cresce. Diverse storie, diverse vite, ma tutti fratelli d’arte. Non esiste bello o brutto, alto o basso, grasso o magro, bianco o nero. Esiste solo il fare. Ci perfezioniamo l’un l’altro nella pratica, ci aiutiamo nel raggiungimento degli obiettivi, ci miglioriamo come persone e arricchiamo il nostro spirito. Questo è il bello del nostro mondo marziale, questo è quello che vogliamo trasmettere come insegnanti. Le vere medaglie sono i successi personali raggiunti anche nei piccoli gesti o negli esercizi. Ogni tanto è bello fermarsi a riflettere ed essere soddisfatti di ciò che si è appresso e di ciò che si fare. Essere positivi aiuta a vivere e ad allenarsi meglio, proviamoci. Onegai shimasu.

Pierluigi Ungaro

No Comments
Day Training Karate

Hakuryu Kangeiko

  • By
  • 2 febbraio 2014

I Draghi del Team Hakuryu non si smentiscono mai, neanche quando il Maestro propone loro di allenarsi alle 6,30 di domenica mattina. Presenti e desiderosi di confrontarsi soprattutto con se stessi, con la pigrizia di doversi alzare così presto e con il freddo gelido della palestra non riscaldata. I temerari questi mattina sono stati impegnati da un allenamento particolarmente intenso e “duro”. Obbiettivo e motivo dominante era non “mollare”, nonostante i mille Geri e mille Tzuki sferrati complessivamente, prima nel Kihon e poi nel Kumite a contatto senza protezioni. Complimenti ai ragazzi presenti da parte dello Staff. Gli assenti come al solito hanno perso un’occasione, un motivo di crescita “personale” e avranno un mattoncino in meno nella costruzione della loro casa “Karate”. Gli atleti entusiasti di tale esperienza, si sono dati appuntamento al prossimo Kangeiko. Osu!!

No Comments
Day Training Grappling MMA

7 dicembre 2013

  • By
  • 7 dicembre 2013

Bella mattinata di sudore e sparring quest’oggi. I nostri ragazzi che si preparano per il Praedator si sono confrontati con ritmi di gara e stress da competizione. Ottimo il lavoro per le MMA e per il Grappling. Bravi ragazzi. Avanti a tutta forza.

No Comments
Day Training

28 novembre 2013

  • By
  • 28 novembre 2013

Continua la preparazione dei nostri ragazzi in previsione del Praedator FC del prossimo 27 dicembre. Non ci si risparmia mai, un po’ di stanchezza, ma alla fine un bel sorriso non guasta 😉

No Comments
Day Training

Pillole di sudore, con la Family Hakuryu

  • By
  • 16 novembre 2013

In un mondo che ti chiede anche il resto, dopo aver pagato caramente. In un mondo che pretende il tuo impegno ma poi i meriti se li prendono gli altri. In un mondo che le colpe le fa scaricare perché assumersi responsabilità non è ancora un’app scaricabile. Ecco, in un mondo così, il minimo che si possa fare è impegnarsi per migliorarlo. Punto. Come? Bella domanda!

E’ Venerdì. Faccio la borsa. Deciso. Palestra.

Durante il viaggio da casa a Lenno rifletto a musica alta su tutto e niente. La spesa da fare, i bambini che crescono, io che invecchio, il lavoro, l’autunno, il traffico, la pioggia. Insomma: un casino. Ho la testa piena. Devo allenarmi. Ho bisogno di fare ordine.

Arrivo in palestra. Saluto i miei compagni. Subito abbracci, pacche vigorose sulle spalle e qualche (solita) cavolata di Nicolò aiutano il mio karategi a legare ben stretta la mia anima alla cintura. Mi abbraccia il BertoLino (papa’ di Lorenzo). Ci eravamo lasciati con un: inizio anch’io. Lo vedo in karategi con la sua cintura. Sono fiero di lui. Mi dice è dura. Gli rispondo: sei duro.

Siamo pronti. Inchino. Oss!

Iniziamo a scaldarci, poi a strecciare, poi a potenziare con esercizi che solo chi è un animale sportivo può pensare. Un bel circuito naturale: rana salterina, coccodrillo innamorato ed infine una bella ranacoccoscimmiata! Dieci per quattro con pause da dieci secondi per ogni serie. Credo che su di me l’effetto animale abbia avuto un effetto inversamente proporzionale: dopo la rana, infatti, mi sentivo un bradipo, dopo il coccodrillo una tartaruga e dopo la ranacoccoscimmiata una biscia ubriaca. La bella notizia, tuttavia, è che che abbiamo solo scaldato i motori.

Esercizi di Tecnica. Pier dice una cosa che andrebbe tatuata su tutte le spalle degli allenatori: “senza tecnica non c’è gesto atletico. Se non alleniamo bene la tecnica di base il gesto motorio si registra erroneamente”. Questo vuol dire che i “fondamentali di ogni tecnica” sono le basi. Le fondamenta. Questo vuol dire che è la tecnica il segreto. Più studio (e comprendo) la tecnica più sono sicuro. Più sono sicuro più attacco. Più attacco, più ho probabilità di vincere. Più ho probabilità di vincere e più rischio. Più rischio e più cresco.

Tecnica di base, prima lenta come studio ed ascolto del proprio corpo. Poi veloce come consapevolezza di se e del proprio movimento. Poi esplosiva come risposta interiore alla mia crescita.

Ci dividiamo in due gruppi. Kumite con Pier. KATA con il Maestro Pompeo.

Opto per l’ascolto del mio corpo, il controllo del mio respiro, la padronanza del mio sudore, il ritmo del mio cuore e la forza del mio animo. In una parola: KATA.

Ascolto le parole del Maestro. Le faccio mie. Comprendo dalle sue parole che la fiducia allievo maestro è il motore immobile. Le sue parole ferme muovo il mio cuore! Dopo ogni sua parola sarei disposto a sfidare il fuoco.

Affondo ogni colpo, ogni tecnica pensando al mio fuoco. Alle fiamme che sgorgano dalla mia fronte. Esplodo in kiai. Poi mi inchino e lo ringrazio.

Ho combattuto con i miei mostri. Ho rischiato. Ho vinto.

Sono distrutto.

In riga. Saluto. Oss!

Abbraccio i miei compagni. Abbraccio Pier ed il Maestro. Abbraccio il mio sudore con l’asciugamano.

Accendo la macchina e riparto. Metto un cd a basso volume e lascio con ogni pensiero ritorni al proprio posto. Rifletto sul concetto di ESEMPIO. Mi viene in mente il sudore e la fatica. Mi viene in mente BertoLino (papa’ di Lorenzo) ed il suo coraggio nello scegliere il Karate come nuova strada. Mi vengono in mente i miei compagni di viaggio. Sudati, scarichi, sempre presenti, in marcia. Mi vengono in mente il Maestro e Pier e la loro passione infinita. Mi torna in mente la bella domanda del Come? Iniziale.

Ed una risposta. L’esempio e la passione.

Ultimo semaforo. Apro il cancello. Entro a casa. Apro la porta.

Mi aspettano i miei figli. Ho voglia di raccontargli una storia fatta di sudore, passione e sorrisi autentici. Ho voglia di raccontargli una via, quella del Karate, come umile tentativo per migliorarci prima e migliorare il resto, poi.

Oss!

Flavio Saturno.

No Comments